Archivio News

 

 

 

           

 

Una partita vietata ai deboli di cuore, dove le emozioni si sono susseguite forti fra il doppio svantaggio, la rimonta di Scippa e l’urlo liberatorio al gol di Di Sabato, passando per le due frettolose espulsioni contro e le notizie provenienti dalla gara del Marcianise.

Una partita che, alla fine, ha raccontato della pazza voglia dello Stasia di non arrendersi mai e di continuare fino alla fine la lotta a distanza per il primo posto: “Ci teniamo a dare filo da torcere al Marcianise fino all’ultima giornata – ha dichiarato Renna nel post gara – è stata una grande prova d’orgoglio dei miei ragazzi. Una vittoria importantissima, dedicata a Passaretti, che ci permette non solo di restare a due punti dalla capolista, ma anche di avere un margine sulle inseguitrici: nel caso non riuscissimo a vincere il campionato, vogliamo almeno conservare la seconda posizione. Ieri si è visto un primo tempo molto combattuto, non a caso finito sullo 0-0; nella ripresa abbiamo commesso un errore sul primo gol, poi c’è stato l’episodio del rigore, ma devo ammettere che il San Giorgio ha disputato un quarto d’ora alla grande ed ha meritato il vantaggio. Così come ha meritato la mia squadra il pareggio e la vittoria finale: inserendo Nucci e Di Sabato abbiamo cercato di tenerli indietro, riportandoci in parità e poi ribaltando del tutto il risultato con Di Sabato che ha finalizzato alla grande una bellissima azione corale”. Lo Stasia ora può tirare un po’ il fiato, considerando che, per lo svolgersi del Torneo delle Regioni, si tornerà a giocare il 7 aprile, ma conoscendo l’allenatore biancoblu non ci si cullerà sugli allori: “Sicuramente passeremo delle feste felici grazie a questa vittoria – conclude Renna – ma lavoreremo sodo, con solo qualche giorno di riposo: in questi giorni di sosta del campionato, ci concentreremo per mettere ulteriore benzina nelle gambe ed affrontare al meglio il finale di stagione”.

Raggiante a fine partita anche il capitano Di Costanzo: “Una rimonta al cardiopalma, un carico di emozioni. Queste sono le vittorie più belle perché dimostrano l’orgoglio e la forza di un gruppo che prova a non arrendersi mai. Dopo Marcianise e Volla abbiamo battuto anche il San Giorgio, dimostrando che la gara col Casalnuovo è stata solo un incidente di percorso. Ora siamo secondi da soli, continueremo a lottare sino alla fine e poi tireremo le somme. Questa vittoria è dedicata a chi sostiene sempre lo Stasia, a chi fa i sacrifici e porta avanti questo progetto”. Ufficio Stampa A.S.D. STASIA CALCIO Antonella Scippa

 

            A.S.D Atletico Vesuvio

 

Anche l'A.S.D. Atletico Vesuvio sarà presente lunedì mattina nella sede del Settore Tecnico di Coverciano con il proprio collaboratore della gestione sportiva Emiliano Amata per il convegno di aggiornamento per i direttori sportivi organizzati dal Settore Tecnico della FIGC in collaborazione con l’ADISE. Fra i tanti ospiti ci sarà anche la presenza del presidente del Comitato Regionale Campania dott. Enzo Pastore.

 

Il pareggio di Cercola viene preso moderata soddisfazione dal nuovo tecnico Pasquale Lucignano. Ma ciò che fa star bene l’ormai ex responsabile dell’area tecnico dell’Atletico Vesuvio, ora tornato in panchina, è che la squadra abbia ritrovato il morale dopo le due sonore sconfitte con Virtus Carano e Sibilla Bacoli. La prestazione è stata molto positiva e c’era nel finale anche un calcio di rigore che poteva tranquillamente essere assegnato, ma l’arbitro bergamasco ha preferito sorvolare. Ciò che rende la soddisfazione di Lucignano soltanto moderata è il fatto che la partita di Cercola l’Atletico Vesuvio l’avrebbe potuta tranquillamente vincere perché per lunghi tratti del match è stata molto più tonica del Mari Fc. Ma classifica alla mano l’esperto allenatore riconosce che questo punto in trasferta vale tanto: “Potevamo vincere e l’avremmo pienamente meritato. – osserva Lucignano – La prestazione che hanno fatto i ragazzi mi rende felice perché ho visto una squadra che aveva voglia di mettersi alle spalle quanto accaduto nelle scorse settimane. Abbiamo fatto il nostro gioco per un’ora abbondante di partita e potevamo chiudere il primo tempo con un vantaggio superiore all’1-0. Poi purtroppo è arrivato il loro gol proprio allo scadere e siamo stati costretti a ricominciare daccapo. Ma c’è stata sempre la convinzione di uscire da Cercola con un risultato positivo. E’ venuto fuori un pareggio molto importante per la nostra classifica; che ci permette di allungare un po’ sulle dirette rivali e che soprattutto ci farà preparare la trasferta di Orta di Atella con più tranquillità. Quella per noi sarà una delle tante partite della vita che dovremmo fare e dobbiamo assolutamente uscire da lì con un risultato positivo. Ma ho visto una squadra carica, motivata, che ha giocato un buon calcio applicando in maniera impeccabile ciò che avevo chiesto”. Due punte all’inizio, alla fine poi si è giocati quasi con quattro attaccanti: “Le mie squadre hanno sempre fatto la partita provando ad essere superiori all’avversario dal punto di vista del gioco. Lo siamo stati quasi per tutta la partita e le ho provate tutte per cercare di riprendere il risultato ed uscire da Cercola almeno con un pareggio. E’ venuto, ma in verità se avessimo vinto credo non avremmo rubato niente. Anche perché c’era un rigore nettissimo per noi in pieno recupero ed un altro su Casonaturale nel primo tempo. Pazienza, ci prendiamo comunque stretto questo risultato maturato contro un avversario che soltanto la settimana scorsa ha giocato la finale di Coppa Italia perdendola soltanto ai rigori. Non è cosa da poco essere andati in casa loro ed aver imposto il proprio gioco per oltre un’ora. Adesso abbiamo poco tempo per preparare la partita con l’Ortese, ma vedo nei ragazzi lo spirito giusto e sono ottimista”. L’ottimismo di Lucignano cresce anche per il traguardo finale che mira l’Atletico Vesuvio: “Siamo ai limiti della zona play-out e rischiamo di rimanere risucchiati dentro. Quindi dobbiamo cercare in queste restanti partite di ottenere il massimo, soprattutto negli scontri diretti come i prossimi con Ortese, Viribus Unitis ed Isola di Procida. Il nostro campionato può decidersi in queste gare e quindi restiamo tutti uniti e concentrati per raggiungere questa salvezza il prima possibile”. Un ultimo pensiero Lucignano lo rivolge al suo predecessore Monaco: “Sono molto dispiaciuto per la sua scelta ed ho sperato fino all’ultimo che tornasse sulla sua decisione perché lo ritengo uno dei più grandi allenatori della Campania ed ha dimostrato anche in quest’esperienza le sue doti. Sono certo che avrebbe potuto dare ancora tanto all’Atletico Vesuvio e disputare un gran finale di stagione. Avrei voluto fortemente averlo ancora in panchina e tuttora vorrei lavorare ancora con lui perché è la persona giusta per guidare questa squadra. Io sono tornato in panchina soltanto perché mancano pochissime partite alla fine, tutte fondamentali per noi e quando il presidente mi ha proposto di fare il tecnico non me la sono sentita di dire no proprio perché in tempi così brevi prendere un allenatore che non conosceva la squadra sarebbe stato un grosso azzardo con impegni chiave così ravvicinati. La prima è andata bene e poteva andare ancora meglio. Adesso proseguiamo perché la salvezza deve essere a tutti i costi raggiunta”. Ufficio Stampa A.S. D. Atletico Vesuvio Gianluigi Noviello-Alessio Borrelli

 

           

Visto l’eco mediatico, anche a livello nazionale, per gli episodi avvenuti durante il riscaldamento pre-gara dell’incontro Mari FC – Ortese Calcio, la società Mari Football Club dichiara che gli avvenimenti hanno avuto come protagonisti calciatori di entrambe le compagini, infatti, non è corretto definirla aggressione premeditata ed unilaterale, poichè a seguito di quanto accaduto, il nostro tesserato Antonio Borrelli, non ha potuto prendere parte alla gara, in quanto per gli schiaffi ricevuti non era in condizioni idonee, il calciatore è stato visitato presso struttura ospedaliera ed è stato refertato in serata, attualmente è a riposo come prescrittogli dai medici del presidio ospedaliero, la società gravemente amareggiata per gli episodi avvenuti condanna quanto avvenuto, e nel contempo augura a tutti i calciatori coinvolti una pronta guarigione. Con il presente comunicato, il presidente Alberto Mai in relazione ad accuse dirette e non fatte alla sua società e alla sua persona, precisa che ad inizio gara, tramite gli altoparlanti dell’impianto sportivo, ha chiesto ufficialmente scusa agli ospiti e alla terna arbitrale per questa situazione spiacevolissima, ed ha assicurato che prenderà provvedimenti contro i propri calciatori colpevoli, poiché non ci sono giustificazioni che tengano. Inoltre l’Ing. Mai, senza voler alimentare nessuna polemica, ci tiene a precisare che a Cercola non è mai successo nulla, non si conosce al momento quale sia stata la scintilla, ma in ogni caso se ci saranno dei risvolti legali, il presidente farà difendere i propri tesserati dai migliori avvocati che esistono, perché non crede che all’improvviso dei calciatori partano e si prendano a botte. Edgardo Spiezia Ufficio Stama Asd Mari Football Club

 

                   C:\Users\PowerUser\Desktop\LOGO-ASD.jpg         Città di Angri

 

 

Ultimato l’allenamento di rifinitura la compagine dell’Angri Calcio è pronta ad affrontare i novanta minuti della semifinale di ritorno con lo Stasia Soccer. La gara, sospesa per le avverse condizioni meteo la scorsa settimana, è in programma mercoledì alle 14.30 allo stadio “De Cicco” di Sant’Anastasia. Il gruppo doriano, agli ordini del tecnico Enzo Criscuolo, ha preparato il match svolgendo la rifinitura presso il campo sportivo “Spirito” di Sant’Egidio del Monte Albino.

Pochi dubbi di formazione per il trainer angrese che dovrebbe affidarsi all’undici schierato la scorsa settimana. Cesarano sarà chiamato a difendere i pali della porta grigiorossa con il pacchetto arretrato formato dall’esperta coppia difensiva Correale-Abate, con Iomazzo e Santaniello ad operare sulle corsie laterali. In mediana la squalifica di capitan Amarante lancerà nella mischia il baby De Bellis che andrà a comporre il quadrilatero con Della Femina, Rodio e Cusimano. In fase avanzata Criscuolo sarà costretto a rinunciare al navigato cannoniere Tranfa, fermato da un infortunio muscolare. Falcone e Giammetta, classe ’95, comporranno la prima linea angrese. La società capeggiata da Luca De Virgilio metterà a disposizione, gratuitamente, un pullman per gli sportivi angresi che intendono seguire la partita allo stadio “De Cicco” di Sant’Anastasia. La partenza del torpedone è prevista per mercoledì 30 gennaio, alle ore 13.30, presso, la “Caffetteria Annarumma” in via Madonna delle Grazie. E intanto, il diesse Alberto Monetta ha perfezionato l’arrivo, in prestito dalla Paganese fino a giugno, dell’estremo difensore Antonio Cerrato, classe ’95. Cerrato è cresciuto nel settore giovanile della Nocerina, del quale ha fatto parte fino alla scorsa estate. Svincolato nel luglio scorso dal club rossonero, è stato tesserato a settembre dalla Paganese per la formazione Berretti, con la quale si è allenato fino alle scorse settimane. Area Comunicazione

 

            

Ha ripreso ad allenarsi con la squadra Gianpaolo Parisi, capitano dei delfini, e domenica spera di essere in campo per dare una mano ai suoi compagni a battere il Ragusa e tornare alla vittoria dopo tre sconfitte consecutive : “E’ stato difficile restare fuori per così tanto tempo ma ora sono pronto a tornare – afferma il difensore ex Salernitana – in queste settimane di stop forzato ho comunque visto una squadra in forma alla quale è davvero mancato soltanto il gol. Contro Messina e Cosenza abbiamo espresso un buon gioco quindi sono fiducioso, giocando così prima o poi i risultati arriveranno”. Il capitano dell’Agropoli poi analizza il prossimo avversario, il Ragusa: “E’ una buona squadra, ha buone individualità. All’andata ci ha battuto nettamente ma ora è tutto diverso, sapremo affrontarli. Loro non stanno affrontando un buon momento e si stanno pericolosamente avvicinando alla zona play out anche se non credo si possa parlare di crisi. I tre punti domenica sarebbero fondamentali, dovremmo stare attenti ed affrontare la squadra con la giusta concentrazione. Nei compagni vedo il giusto spirito per uscire dalle zone basse della classifica, il prossimo mese sarà fondamentale”. Oggi l’Agropoli affronterà una doppia seduta di allenamento presso lo stadio “Guariglia”. Domani pomeriggio invece partitella in famiglia presso il campo “Torre”. Ernesto Rocco – addetto stampa U.S.Agropoli 1921

                 logo nqc.png

A seguito dell'ennesimo raid vandalico all'interno del Comunale Giarrusso sono giunti alla dirigenza della squadra flegrea numerosi attestati di solidarietà. Ed oggi pomeriggio diverse autorità politiche e rappresentanti delle associazioni hanno voluto manifesta re concretamente la vicinanza alla squadra con la propria presenza presso lo stadio cittadino alla ripresa degli  allenamenti della squadra. Erano presenti, tra gli altri, la senatrice del Pd, Teresa Armato, la giornalista Rosaria Capacchione, capolista al Senato del Partito Democratico alle prossime elezioni politiche, il Sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia, il Responsabile politiche sociali coop Giovanni D'Auria e il Presidente soci coop Romualdo Molino. Tutti hanno espresso vicinanza alla società e hanno rivolto l'invito a continuare senza tentennamenti nel progetto di legalità intrapreso lo scorso luglio. In mattinata è arrivato anche il sostegno del Commissario Prefettizio, Vincenzo Greco, che ha garantito l'impegno del Comune nella ricerca di fondi che l’Unione Europea ha stanziato nell’ambito dei progetti per la sicurezza, così da finanziare l’installazione di telecamere per la videosorveglianza. "L'iniziativa più forte da intraprendere"- commenta Luigi Cuomo, dirigente unico della Quarto calcio per la legalità, - "al di là della videosorveglianza o di altri sistemi di controllo, è quella della partecipazione della città a questo progetto. Invito pertanto tutti i cittadini perbene a prendere parte alla partita della squadra, che si disputerà domenica mattina, in casa. Venite e rispondete con la vostra presenza a chi vuole intimidirci!". In serata, poi, la dirigenza della Nuova quarto Calcio per la Legalità ha ricevuto due importanti attestati di solidarietà attraverso due comunicati stampa ufficiali. Il primo è arrivato da Pietro Grasso, capo della Direzione antimafia Italiana, il secondo in ordine temporale è stato diffuso dall'Assocalciatori a firma del Presidente Damiano Tommasi. Entrambe le personalità hanno voluto manifestare il proprio appoggio al progetto della Nuova Quarto Calcio promettendo una visita nelle prossime settimane. L'occasione più propizia potrebbe essere il prossimo 23 marzoquando al Comunale Giarrusso potrebbe essere riproposto il Torneo della Legalità con  Magistrati, Giornalisti e Familiari di Libera sulla scia di quello disputato lo scorso 29 dicembre; Torneo di cui non restano più riconoscimenti visto che targhe e coppe sono state tutte trafugate nel raid del 27 gennaio. Addetto Stampa Nuova Quarto Calcio Dott. Silvio Di Falco

 

                   C:\Users\PowerUser\Desktop\LOGO-ASD.jpg         Città di Angri

 

Novanta minuti per agguantare un sogno chiamato finale! L’Angri Calcio si giocherà le possibilità di accesso alla finale di coppa Italia negli ultimi novanta minuti in programma nel pomeriggio (inizio ore 14.30) allo stadio “De Cicco” di Sant’Anastasia affrontando lo Stasia Soccer.

La semifinale di andata si concluse a reti inviolate al termine di una partita contrassegnata dalle pessime condizioni del terreno di gioco del “Novi” e dagli errori sotto porta degli attaccanti doriani. Il peso dell’incontro non si può nascondere e la compagine angrese è attesa da un match delicato che sarà giocato anche sulla tenuta mentale dei singoli calciatori. L’esperienza può recitare un ruolo importante in questo tipo di partite e l’Angri Calcio dovrà rinunciare al capitano Amarante fermato per squalifica. La girandola di infortuni che sta castigando la truppa grigiorossa terrà lontani dalla sfida il funambolico Galdi e il giovane D’Amato, fuori per infortuni muscolari. Il tecnico Criscuolo conta di recuperare in extremis il centrocampista Della Femina che dovrebbe fare coppia con il dinamico Rodio alle prese con i postumi dell’influenza.

Nell’undici titolare dovrebbe trovare posto il difensore Camorani, classe ’95, mentre in avanti Falcone appare in netto vantaggio rispetto al navigato Tranfa rimasto in panchina domenica scorsa per scelta tecnica. Montella potrebbe tornare in panchina ma un suo impiego è  incerto dopo un mese di stop.

“C’è la tensione giusta nell’ambiente – ammette il patron Luca De Virgilio – perché si tratta di una gara senza appello che riserverà grandissime emozioni, la squadra è pronta, determinata a fare bene contro un’avversaria che all’andata ha dimostrato di avere una buona organizzazione di gioco e individualità di categoria superiore, sono partite che devono essere giocate a viso aperto, senza timori!”. Area Comunicazione

 

 

Dopo tre anni e mezzo si chiude la mia collaborazione con la Sarnese. In questi anni ho profuso il massimo dell’impegno per la causa granata non sottraendomi mai dagli impegni intrapresi e andando talvolta nell’esclusivo interesse della società ben oltre le mie mansioni. Sono stati anni stupendi che ricorderò per sempre. Partire dal Campionato Regionale di Promozione con uno “Squitieri” deserto, stagione 2009 – 2010, ed arrivare a novanta minuti dalla promozione in Lega Pro con uno “Squitieri” stracolmo la dice tutta su quelle che sono state le mie emozioni vissute con il sodalizio granata. Devo dire grazie a tutti coloro che mi hanno fatto sentire al centro di un progetto sportivo decisamente importante ma che, negli ultimi tempi, chissà per quale motivo, non mi sono più sentito parte attiva complice anche scelte e decisioni che hanno scalzato il propedeutico rispetto dei ruoli.

Per me è stato sicuramente un onore aver lavorato con gente del calibro di mister Giovanni Renna (che mi volle con sé all’inizio della sua avventura) e mister Egidio Pirozzi; le tante persone dello staff come Giuseppe Tortora, Pietro Di Rico, Michele Caso, Luigi Ferrara, Remo Chiappa, Gianfranco Balzano, il prof. Andrea Ferullo, e ancora Giuseppe D’Angelo, Davide Corrado, Antonio Robustelli, Ferdinando Adiletta, Antonio Orza, Fanchino Liguori, Leonida Scoppetta e l’immancabile Antonio Forte. Non posso non dimenticare i consigli dei maestri Sergio Picarone e Giuseppe Scala, e le esperienze maturate vicino a gente del calibro di Guglielmo Ricciardi, Giuseppe Panico, Alfonso Pepe. Ovviamente non posso non citare gli amici “fraterni” con cui ho condiviso questi anni memorabili e che sono stati i principali bersagli dei miei “click”. Comincio con Antonio Noto, rimasto l’unico superstite da quell’inizio nel Campionato di Promozione; poi gli amici Mauro Adiletta, Durante Rima, Roberto Mollo, Emilio Liguoro, Mimì Aliprandi, Giovanni Tufano, Raffaele Ambruoso, Giovanni Vitale, Antonio D’Avanzo, Fabio Scippa, Arcangelo Ragosta, Manuel Panini, Vincenzo Monti, Gerardo Alfano e, ovviamente, Vincenzo Platone.

Nel corso di queste ore sono tante le immagini che mi passano per la mente della mia esperienza a Sarno. Ricordo con piacere la prima partita contro l’Ercolanese, Coppa Italia Dilettanti; ricordo i tre rinvii consecutivi per neve di Bisaccia; i memorabili play off vinti contro Ippogrifo, Capo Rizzuto e Adrano. Dispiace per l’epilogo di Bitonto e per come si sia chiusa la mia esperienza oggi.

Un plauso va soprattutto ai tanti colleghi giornalisti con cui quotidianamente abbiamo instaurato un rapporto molto proficuo e collaborativo e che man mano si è consolidato tramutandosi in amicizie che continueranno anche al di fuori di questo ambito. Resto grato al presidente Aniello Pappacena e a tutta la società dell’A.S.D. Sarnese 1926 per la possibilità di crescita che mi è stata data nel corso di questi anni. Giuseppe Guerriero

 

                   C:\Users\PowerUser\Desktop\LOGO-ASD.jpg         Città di Angri

 

Tutto pronto in casa doriana per l’attesa sfida che domani sera, fischio di inizio ore 18.30, vedrà l’Angri Calcio affrontare lo Stasia Soccer per la gara di andata della semifinale di coppa Italia. La squadra ha effettuato la seduta di allenamento in orario serale per prendere confidenza con lo stadio “Novi” in versione by-night. L’allenamento è stato preceduto da un lungo colloquio tra la squadra e il tecnico Criscuolo che ha voluto catechizzare il gruppo in vista dell’importante appuntamento della manifestazione tricolore. Sarà ancora emergenza con Ferraioli, Rodio e Montella che albergano in infermeria e rispetto alla gara con la Calpazio di domenica scorsa il trainer angrese recupera solamente il difensore Correale e il centrocampista Galdi. Il supplemento di lavoro dovuto alla partecipazione alla coppa Italia non preoccupa oltre misura l’allenatore Criscuolo.

“La squadra ha conquistato l’accesso alle semifinali – spiega il trainer angrese – e ora ci giocheremo tutto nella doppia sfida con lo Stasia che sicuramente è una formazione di alto cabotaggio con la quale avremo modo di confrontarci a viso aperto nei 180 minuti, siamo arrivati ad un passo dall’impresa di centrare la finale e profonderemo il massimo delle energie per regalare un grosso risultato all’intera comunità angrese”.

E intanto, cresce l’attesa in città e dopo l’iniziale indifferenza mostrata dal “popolo del pallone” i risultati dell’Angri Calcio stanno suscitando la curiosità di molti appassionati attratti anche dal fascino di una gara importante che manca nella cittadina doriana da alcuni anni.

“Invitiamo gli sportivi angresi ad assistere alla semifinale di coppa Italia – afferma il patron Luca De Virgilio - per sostenere la compagine grigiorossa in questa importante competizione calcistica con l'auspicio di portare sempre più in alto il nome della nostra città e un appuntamento rilevante che riporta a distanza di qualche anno la nostra città ai vertici del calcio regionale e centrare l’obiettivo significherebbe dare ulteriore lustro alla città che ha sempre avuto un feeling particolare con l’universo calcistico”.

        Miranda Sanseverino

 

Il Miranda Sanseverino, si rafforza ulteriormente con l’arrivo del portiere Giuseppe Inserra, classe ’89 un autentico fenomeno fra i pali, cresciuto nelle giovanili della Cavese, dove ha debuttato in serie C1, ha giocato in serie D con Pomigliano e Angri, e in Eccellenza con Serino e ancora con l’Angri. Inoltre è stato tesserato anche il mancino Raffaele Rosello, classa’94, proveniente dal Città di Angri, terzino sinistro. Due pedine in più per il tecnico Enzo Ansalone, che in questo modo ha una rosa ulteriormente rafforzata, in vista anche della delicata trasferta di sabato, ad Avellino contro il S.Tommmaso , attuale seconda in classifica, una gara in cui la compagine cara al presidente Fimiani si augura di chiudere nel migliore dei modi il girone di andata e l’anno solare 2012. UFFICO STAMPA MIRANDA Scafuro Antonio

           

All’indomani dello storico traguardo raggiunto, con l’accesso alle semifinali di Coppa Italia, non cala l’entusiasmo in casa Stasia. Seppur già proiettati alla difficile sfida di domenica prossima col Virtus Carano, che di fatto chiuderà il 2012 biancoblu, restano vive le emozioni di una gara che scrive un pezzo di storia del calcio anastasiano. È il ‘Condor’ Pastore, autore dei gol nelle due gare contro la Libertas, a raccontare il felice momento suo e dell’intero spogliatoio: “La società ha allestito una squadra competitiva per centrare l’obiettivo playoff ed in campionato per ora stiamo rispettando la tabella di  marcia; non abbiamo mai snobbato la Coppa Italia e l’aver conquistato le semifinali non può farci che piacere. Ora naturalmente proveremo ad arrivare fino in fondo. L’aver segnato sia all’andata che al ritorno mi porta a -1 dal raggiungere quota 150 gol in carriera, un obiettivo che spero di festeggiare prima della fine dell’anno. Con il mercato dicembrino sono arrivati altri attaccanti: di sicuro questo è un bene per la squadra, più siamo meglio andrà lo Stasia, perché dovremo tutti metterci in gioco per un posto da titolare, dando il massimo in ogni occasione. Viene sempre prima il gruppo e poi i singoli giocatori”. La parola passa, poi, a Di Sabato, uno degli ultimi arrivati ma già decisivo nella gara di ieri, avendo conquistato il rigore trasformato da Pastore: “Chi ben comincia è a metà dell’opera, speriamo di continuare su questa strada, lavorando a migliorare la condizione durante la sosta natalizia, in modo da poter dare il mio contributo alla causa biancoblu. Ho scelto Sant’Anastasia dopo essermi informato, aver visto alcune partite ed i giocatori in rosa: è una società dal grande passato e merita di ambire a serie maggiori. Sono venuto qui per dare una mano a centrare gli obiettivi, ad un gruppo che già ha fatto bene finora ed in cui sapevo di trovare attaccanti notevoli come Gioielli, Scippa, Pastore. Nella mia carriera ho avuto la fortuna di giocare in squadre importanti, dove c’era molta concorrenza in avanti: per esperienza, quindi, posso dire che avere tanti attaccanti bravi può essere solo un motivo di stimolo a continuare a far bene. Naturalmente è poi compito dell’allenatore decidere chi deve scendere in campo, in base alle caratteristiche del giocatore o agli schemi da applicare in partita. Noi dobbiamo solo farci trovare pronti e portare lo Stasia più in alto possibile”. Ufficio Stampa A.S.D. STASIA SOCCER Antonella Scippa

                    C:\Users\PowerUser\Desktop\LOGO-ASD.jpg         Città di Angri

 

Le fatiche dell’intensa gara con il Massalubrense sono state smaltite e per l’Angri Calcio è di nuovo tempo di calarsi nel calcio giocato con la gara di ritorno dei quarti di finale di Coppa Italia. Il tecnico Criscuolo ha concesso un giorno di riposo alla truppa doriana per consentire il recupero delle energie fisiche e mentali dopo la combattuta gara con i costieri. Il “Novi”, rettangolo di gioco in condizioni precarie, attende l’arrivo della Virtus Scafatese per novanta minuti che permetteranno ad una compagine dell’agro di poter accedere alle semifinali della competizione tricolore. In casa doriana la tensione è altissima e il pareggio (1-1) rimediato all’andata non viene nemmeno considerato dalla squadra motivata a primeggiare nel match con i canarini apparsi in grande forma contro il Torrecuso. “Ci sarà da sudare tanto – afferma il patron Luca De Virgilio – perché dovremo fare i conti con una formazione ben messa in campo e con un potenziale offensivo di tutto rispetto”. Il massimo dirigente analizza anche il momento che sta attraversando la squadra. “Da oltre un mese stiamo giocando senza sosta sia in coppa che in campionato – precisa De Virgilio – e ai ragazzi posso tributare solo un grande e meritato plauso per quello che stanno dimostrando in campo, è normale che arrivati a questo punto vogliamo giocarci tutte le carte per andare avanti in coppa Italia e nel match di domani faremo l’impossibile per portare a casa il passaggio di turno”. La sessione invernale del calcio mercato ha consentito all’Angri Calcio di rinforzare la batteria degli attaccanti con l’arrivo di Tranfa che domani sarà chiamato a guidare la linea offensiva insieme al giovane Montella che dovrebbe partire titolare. Ferraioli sarà ancora fuori dai giochi a causa dell’infortunio alla caviglia. In mediana out Della Femina, la coppia centrale sarà composta da Rodio e Amarante con Cusimano e Galdi sulle corsie. Linea difensiva al gran completo con gli under D’Amato e Santaniello sugli esterni e il tandem centrale Abate-Correale. Tra i pali potrebbe esserci l’esordio del neo arrivato Cesarano, classe ’93.

         

L’S.S. Sant’Antonio Abate ufficializza i seguenti acquisti:
Sperandeo Fabio, classe ’87, ex Potenza Rossoblu – ATTACCANTE;
Esposito Valerio, classe ’93, ex Atletico Vesuvio – DIFENSORE;
Aversano Antonio, classe ’95, ex U.S. Ancona – PORTIERE;
Siciliano Carlo, classe ’82, ex U.S. Formia – CENTROCAMPISTA;
Scarparo Gianfranco, classe ’91, ex Giugliano – ATTACCANTE.
Tutti i neo-tesserati sono a disposizione di mister Carannante già per il match di questo pomeriggio contro il Monopoli. L’S.S. Sant’Antonio Abate

                 logo nqc.png

Il girone A del campionato di promozione si avvia al giro di boa: tra oggi pomeriggio e domani verranno disputate le gare della quattordicesima e penultima giornata di andata. La Nuova Quarto Calcio, capolista incontrastata del girone, sarà impegnata domani pomeriggio alla ore 14,30, in un match importantissimo e molto difficile in casa del San Marco Trotti. Una vittoria consegnerebbe alla squadra di Amorosetti lo scettro di campione di inverno con una gara di anticipo visti i sei punti di distacco sulle più immediate inseguitrici. Ma in quel di San Marco non sarà una gara facile per l'undici quartese reduce da ben otto successi consecutivi: i padroni di casa, attualmente quinti in classifica a quota 23 punti, hanno operato bene sul mercato dicembrino rinforzandosi in diversi reparti; l'obiettivo minimo per la squadra casertana è quello di centrare i play off anche se la dirigenza e i giocatori non hanno abbandonato le speranze per una promozione diretta nonostante gli undici punti di ritardo dalla capolista. I ragazzi del Quarto in settimana si sono allenati secondo il consueto programma delle 4 sedute pomeridiane più la rifinitura di stamattina: per mister Amorosetti non ci sono grossi problemi di formazione; tutti a disposizione del tecnico e dunque si prevede la formazione tipo con il classico 4-3-3. Il San Marco, reduce dal deludente pareggio esterno in quel di Villa Literno, è una delle tre squadre del girone ancora imbattute in casa (Quarto e Sessana le altre due compagini): il ruolino casalingo della squadra allenata da mister Capasso è di tutto rispetto; sei le gare disputate, 5 le vittorie ottenute ed un pareggio. Il Quarto di Amorosetti, capolista a quota 34 punti, ha una marcia costante anche in trasferta e non solo in casa dove ha ottenuto 7 vittorie su altrettante gare: lontano dal Giarrusso, la Nuova Quarto Calcio ha collezionato 4 vittorie, un pareggio e una sconfitta, in quel di Sessa Aurunca, che poi rappresenta l'unica sconfitta in campionato della stagione. Un match di alta classifica, dunque, che risulta essere anche inedito nella storia dei due club che mai si sono incontrati nella loro storia. Al San Castrese il fischio di inizio della gara verrà dato alle ore 14,30 in una giornata che per i ragazzi del Quarto inizierà molto presto vista la presenza, in mattinata, all'evento organizzato alla Gesù Divin Maestro dal parroco Gennaro Guardascione a cui parteciperà anche l'Assessore Regionale Pasquale Sommese, nel corso della quale verranno consegnate le adesioni alla Nuova Quarto Calcio dei fedeli della parrocchia di Via Marmolito a Quarto. Ufficio Stampa Nuova Quarto Calcio Dott. Silvio Di Falco

                    

L’A.S.D. Sarnese 1926 comunica l’ingaggio del calciatore Mario Fontanella. Attaccante classe 1989, Fontanella nel corso della sua carriera ha indossato le seguenti casacche: Noto (serie D 2012 – 2013, 15 presenze 3 gol; serie D 2011 – 2012 31 presenze 17 reti); Neapolis (2010 – 2011Seconda Divisione Lega Pro, 15 presenze; serie D 2009 – 2010, 24 presenze 12 gol); Viribus Unitis (serie D 2008 – 2009, 13 presenze); Barletta (serie C – 2 2008 – 2009, presenze). Il neo acquisto della Sarnese è già a disposizione del tecnico Palumbo ed è perfettamente arruolabile per la partita di domenica contro il Sora. Lascia l’A.S.D. Sarnese 1926 l’attaccante Diego Matarazzo. La Sarnese ringrazia il calciatore per l’impegno profuso ed augura allo stesso le migliori fortune professionali.

           

La Asd Mari Football Club comunica di aver raggiunto l’accordo con l’attaccante classe 84 Giuseppe Liccardi, un vero cannoniere di razza, con un curriculum di notevole spessore, la sua carriera inizia in serie C1 con la maglia della Viterbese che indossa per due stagioni, poi passa in serie D dove colleziona oltre 40 presenze con le casacche di Milazzo, Ostia Mare e Ariano, in eccellenza a suon di realizzazioni fa la fortuna di varie squadre, nell’ordine milita nella Ferrandina, Piazzese, Mons Taurus, Paestum, Ricigliano (dove sfiora la serie D), Ebolitana (vince la coppa italia regionale ed è promosso in serie D, il tutto impreziosito da 40 realizzazioni in due campionati), Sarnese, Formia ed infine Pro Cisterna da dove proviene. Con il presente la società comunica che ha rafforzato il parco under con l’ingaggio del promettente centrocampista classe 95 De Luca Luigi proveniente dalla Hyria Nola. A poco piu’ di un mese dalla risoluzione contrattuale con il centrocampista Giuseppe Piccolo, il presidente Alberto Mai, ha voluto dare delle delucidazioni in merito: ”Vorrei precisare che l’interruzione del rapporto con il centrocampista Giuseppe Piccolo, da me e dai compagni di squadra chiamato affettuosamente Pino Pino, non avvenne per scarso impegno o per contrasti con la società, ma avvenne per colpa di terze persone, io e tutta la società nutrivamo e nutriamo ancora molta stima nei confronti del calciatore, impeccabile fuori e dentro il campo, infatti, gli rinnoviamo gli auguri per una favolosa carriera da calciatore, perché lo merita, e questa non è una frase di circostanza ma viene dal profondo del mio cuore, ma purtroppo nel calcio succede spesso che le strade debbano dividersi ed è ancora piu’ brutto quando ciò succede per colpe non imputabili alle parti interessate.” Edgardo Spiezia Ufficio Stampa Asd Mari Football Club

           

Al termine della gara San Giorgio - Mari Football Club ecco le dichiarazioni rilasciate dal presidente del Mari Fc Alberto Mai :“Dopo la gara odierna è maturata in me un’ atroce convinzione, cioè che a differenza della giustizia divina che dispensa episodi senza discriminazioni, la giustizia umana, nel caso del gioco del calcio gli arbitri, sbaglino non sempre in buona fede, perché errare è umano ma perseverare è diabolico, giusto per citare qualche episodio, oggi abbiamo subito un rigore inesistente (il secondo, il primo era netto) ed un’ espulsione diretta clamorosa del giovane Miele in occasione di una punizione concessa a nostro favore, domenica scorsa rete annullata per un presunto fallo di Russo, contro la Virtus Carano tre reti annullate per fuorigioco inesistenti, la lista è lunga ma mi fermo qui per evitare di dilungarmi, questi episodi rafforzano nella mia mente, la convinzione che la mia squadra dà fastidio a coloro i quali dirigono il comitato regionale e la classe arbitrale, forse perché non ho una juniores ? forse perché rispetto i miei ragazzi oltre l’ aspetto puramente sportivo ? forse perché investo su calciatori che sono stati stroncati da altre società ? in ogni caso ciò che è successo oggi, è testimoniato dalle immagini televisive e quindi tutti, non solo le persone come me che possono essere accusate di essere di parte, possono giudicare e confermare che oggi siamo stati vittime di errori clamorosi. Dopo oggi io Alberto Mai non credo piu’ in tutto il sistema calcio, l’ unica cosa che mi fa andare avanti in questo mondo strano e perverso, è l’ amore per i miei ragazzi, che mensilmente aiuto a sbarcare il lunario con il contributo spese che gli elargisco, in un momento di crisi economica generale, dove nemmeno i politici s’interessano della disperazione delle famiglie degli italiani, molti dei quali quest’anno non riusciranno nemmeno a regalare un albero di natale ai proprio cari, per quest’anno onererò tutti i miei impegni, ma se i torti arbitrali dovessero continuare in maniera cosi continua ed eclatante, il prossimo anno abbandonerò questo mondo. La filosofia della mia società è quella di accettare e rispettare le scelte arbitrali, ma oggi ribadisco è stato eclatante il pessimo arbitraggio, noi presidenti di calcio meritiamo molto piu’ rispetto perché investiamo di tasca nostra senza avere ritorni economici e non possiamo permetterci di perdere per colpe di terze persone che facendo in questo modo gestiscono i nostri soldi, proprio come accade in politica dove gli schieramenti politici gestiscono i soldi dei contribuenti. Questo sfogo mi è nato dal cuore perché oggi sono veramente moto amareggiato , in quanto nonostante tutti i miei sforzi di cambiare il mondo di vedere il calcio , veniamo sempre puniti da torti arbitrali. Tornando alla gara di oggi da sangiorgese doc faccio i complimenti alla società San Giorgio e un grosso in bocca a lupo per centrare gli obiettivi che si sono prefissati.”. Edgardo Spiezia Ufficio stampa Asd Mari Football Club

            A.S.D Atletico Vesuvio

 

La sconfitta di Volla porta parecchia delusione in casa Atletico Vesuvio. Dopo l’ottima prestazione del primo tempo con qualche buona occasione per andare a segno, la squadra nel secondo tempo ha subito due gol in pochi minuti e non è più riuscita a reagire e rientrare in partita. E questo non fa assolutamente felice Gennaro Monaco. Il tecnico appare molto deluso e stizzito per questa prestazione opaca della ripresa: “Non me l’aspettavo perché dopo un bel primo tempo condotto con l’atteggiamento giusto proprio non immaginavo che la squadra avesse un crollo del genere. Mi dispiace per quanto successo, ma devo capire con attenzione cosa può essere successo alla mia squadra. Fino ai loro gol abbiamo disputato una grande partita e nel primo tempo la Virtus Volla non è riuscita ad imporre il proprio gioco proprio perché noi abbiamo lottato su ogni pallone com’è nel nostro DNA e siamo riusciti a renderci pericolosi in più occasioni. Ho ancora davanti agli occhi la grande parata di Capece sulla conclusione dalla distanza di Castiello che poteva essere un gran gol. Nel secondo tempo è cambiato tutto e noi è come se non fossimo mai scesi in campo. Così non va bene, mi farò sentire in settimana con i ragazzi perché questa era una partita dove potevamo dimostrare di essere una squadra che vuole stupire. Invece è successo tutto il contrario di tutto e torniamo a casa con una sconfitta inspiegabile non tanto per il valore dell’avversario, ma per come abbiamo giocato nel secondo tempo, decisamente in quei quarantacinque minuti ho visto la più brutta prestazione da quando alleno questa squadra”. Adesso Monaco dovrà suonare la sveglia alla squadra per riprendere subito a correre: “Finora la forza di questo gruppo ha prevalso su ogni cosa. Mi auguro che in settimana possiamo metabolizzare questa sconfitta e cominciare subito da capo. Io sono ancora più che convinto che l’Atletico Vesuvio da qui alla fine del campionato può essere la rivelazione dell’Eccellenza, ma non bisogna ripetere prestazioni del genere. Inoltre visto che è aperto il mercato mi auguro che le mie richieste vengano accontentate. Ho bisogno di almeno altri due rinforzi ed insieme alla società li abbiamo già individuati. La mia speranza è di poterli avere a disposizione già da questa settimana perché a Volla mi sono ritrovato con una panchina imbottita di giovani e questa rosa ha bisogno di qualche ricambio in più”. Chiusura sui nuovi. Hanno debuttato con la maglia dell’Atletico Vesuvio Amoruso, Prisco ed Aiello. Tre quarti di difesa era praticamente nuova, ma per Monaco non è stato un azzardo: “Non hanno sofferto per tutto il primo tempo. Anzi, hanno disputato una buona gara nonostante erano al debutto e non si conoscevano tra loro. Del loro primo tempo sono molto soddisfatto, nella ripresa avrei sostituito tutta la squadra perché non siamo mai riusciti a reagire e questo non fa parte dell’atteggiamento che devono avere le mie squadre”. E adesso bisogna lavorare per il derby con il San Giorgio. Per Monaco questa partita non deve rappresentare un’ossessione, ma nell’ambiente sangiorgese si sa che sarà una partita speciale: “Il derby è sempre il derby, – afferma Monaco – e sarà una bella festa di sport per San Giorgio a Cremano. Ma anche questa partita deve essere preparata con tranquillità perché vale tre punti come tutte le altre”. Ufficio Stampa A.S. D. Atletico Vesuvio Gianluigi Noviello-Alessio Borrelli

         

L’S.S. Sant’Antonio Abate ufficializza il tesseramento di De Stefano Luigi, difensore centrale, classe ’94, proveniente dall’A.S.D. Real Forino Calcio. Il calciatore sarà a disposizione di mister Carannante già per il prossimo match contro il Grottaglie.

            

L’Unione Sportiva Agropoli 1921 rende noto di aver definito gli ingaggi dei calciatori Andrea Ottonello, centrocampista classe ‘84 ex Martina Franca, Arcangelo Ragosta, attaccante classe ‘85 proveniente dalla Cavese e Francesco Giraldi, classe ‘89 prelevato dal Savoia. I tre calciatori saranno disponibili già nella gara di domani contro la Vibonese. Ernesto Rocco – addetto stampa U.S.Agropoli 1921

           

A poche ore dal derby vesuviano con il San Giorgio il punto in casa Mari Football Club è fatto dall' esperto difensore Alessandro Musella :
Alessandro dopo l’ottima gara di coppa sia a livello di squadra che personale, domenica ci sarà il derby vesuviano con il San Giorgio, che partita sarà ?
Infatti questo tour de force non ci consente di rilassarci un attimo , nemmeno il tempo di metabolizzare la bella vittoria di coppa , che già dobbiamo pensare al campionato , sarà una gara importante che potrà dare una svolta al nostro campionato , sarà un ‘ ottimo test per la nostra rinnovata formazione , infatti anche loro si sono rinforzati ed ambiscono come noi alle posizioni di alta classifica. Noi come squadra ci teniamo a vincere per regalare un’altra soddisfazione al nostro presidente che non ci fa mancare mai niente e ci è sempre vicino.
San Giorgio sarà una sfida speciale e molto sentita per te che sei un ex ....
Infatti è una sfida molto sentita per me che sono un ex , a San Giorgio ho tanti amici sia in campo che fuori , e forse anche qualche nemico ... ma il calcio è bello anche per questo. Negli ultimi 10 anni ho disputato 4 campionati , nei quali abbiamo sempre raggiunto i nostri obiettivi , l’ ultimo la salvezza dell’anno scorso , con il pareggio dell’ultima giornata proprio contro il Mari FC ……
I top-player arrivati nel mercato dicembrino hanno dimostrato che le ambizioni restano grosse , come giudichi i nuovi arrivi ??
Si può dire che per noi inizia un nuovo campionato i nuovi acquisti hanno alzato il tasso tecnico e qualitativo della squadra , siamo completi in tutti i reparti , sono sicuro che ce la giocheremo fino alla fine per le posizioni di vertice.
Che obiettivi ti poni a livello personale e di squadra ??
Da giocatore più anziano della squadra che spero di riuscire a vincere qualcosa di importante con questi colori , sul piano personale continuerò a lavorare con il solito impegno , mettendomi sempre a disposizione del mister e dei compagni , per raggiungere l’obiettivo comune.
Ripercorri un po’ la tua carriera ……
Ho iniziato nelle giovanili del Cesena dove ho trascorso 5 anni con la soddisfazione della convocazione nella nazionale under 16, poi sono passato per due stagioni alla primavera del Napoli, poi la bella avventura con il Savoia dove ero nel settore giovanile ma in settimana mi allenavo con la prima squadra, esperienza interrotta dal fallimento degli oplontini, dopodiché due campionati di serie D uno con gli abruzzesi dell’Ortona e un’altro con il Sorrento, poi tanti campionati di eccellenza con varie maglie , Afragola , Praia , Portici , Succivo, San Giorgio, Stasia (dove ho conosciuto il presidente Alberto Mai) e San Sebastiano. Edgardo Spiezia
 
             C:\Users\PowerUser\Desktop\LOGO-ASD.jpg         Città di Angri

Claudio Tranfa è un calciatore della Città di Angri. L’accordo tra la società doriana e il navigato attaccante sannita è stato ratificato e da oggi il “bucaniere” sarà ufficialmente a disposizione del tecnico Criscuolo che potrebbe impiegarlo già nella difficile trasferta di Vallo della Lucania con il Real Trentinara. Cresciuto nelle giovanili del Napoli, è transitato anche per Avellino, con due presenze nel campionato di Serie C1, ma ha alle spalle tante battaglie e campionati in Serie D ed in Eccellenza, ha  giocato con l’Ariano Irpino, nel Pomigliano, nel Montenero, nel Lavello, nel Cerignola, nell’Altamura, mentre nella Battipagliese ha vinto il Campionato di Eccellenza a suon di gol (ben 16), ha raggiunto la salvezza in Serie D con nove gol e nella passata stagione ha vinto con il “Città de la Cava” il campionato di Eccellenza attraverso la lotteria dei play-off. L’esordio con la maglia doriana potrebbe registrarsi già domani nella partita con il Real Trentinara.Il match con i cilentani sarà l’ennesimo banco di prova per la compagine doriana che ancora una volta dovrà fare i conti con l’emergenza infortuni. La gara di coppa Italia con la Virtus Scafatese ha mandato al tappeto il difensore Correale, problemi di natura muscolare, e l’attaccante Ferraioli che dovrà restare fermo almeno per dieci giorni a causa di un colpo rimediato nel match con i canarini. Il trainer Criscuolo sta valutando le alternative per sopperire all’assenza del centrale difensivo. Due le ipotesi: arretrare Amarante sulla “linea Maginot” con l’impiego di Somma come centrale della mediana al fianco di Della Femina, oppure spostare Santaniello al fianco di Abate in zona centrale. Dubbi che saranno fugati solo nell’immediata vigilia dell’incontro. In fase avanzata potrebbe essere schierata una coppia insolita con l’inserimento dal primo minuto del neo acquisto Tranfa al fianco di Falcone apparso un buone condizioni dopo l’’infortunio muscolare che ne ha pregiudicato l’impiego per oltre un mese. La settimana doriana oltre ai movimenti di mercato ha fatto registrare novità anche sul fronte societario con alcuni personaggi del calcio locale che hanno deciso di sostenere finanziariamente il progetto calcistico avviato da Luca De Virgilio. Nuove risorse che consentiranno alla società e alla squadra di lavorare serenamente creando i presupposti per continuare a lottare in campionato e in coppa Italia. Area Comunicazione

            A.S.D Atletico Vesuvio

 

L’Atletico Vesuvio annuncia i primi cinque colpi di mercato. Agli ordini di mister Gennaro Monaco sono giunti l’esperto attaccante Ernesto Marino, classe 1986 proveniente dal Florigium e nella scorsa stagione al Quarto. In difesa arriva il centrale Giuseppe Amoruso, classe 1989 proveniente anch’egli dal Florigium e, come Marino, anche lui la scorsa stagione ha militato nelle fila del Quarto. Ai due calciatori esperti si aggiunge il giovane terzino classe 1983 Gianluigi Aiello, che viene dal Vico Equense e che lo scorso anno ha vinto i play-off di Eccellenza con il Gladiator.  Infine arrivano anche l’esterno destro classe 1995 Nando Prisco, reduce dall’esperienza all’Atripalda e lo scorso anno a Palma Campania non Gennaro Monaco. Chiude la prima parte della campagna acquisti Emanuele Piccolo, attaccante del 1995 che arriva dal Città di Castello. Ufficio Stampa A.S. D. Atletico Vesuvio Gianluigi Noviello-Alessio Borrelli

           

L’Asd Mari Football Club, comunica che dopo i tre colpi annunciati nei giorni precedenti, continua la sua campagna di rafforzamento a dimostrazione che nonostante la classifica al momento non le sorride, le ambizioni sono sempre quelle di disputare un campionato di vertice, per far ciò approdano in bianco-azzurro due top player provenienti dalla blasonata, nonché avversaria diretta per la conquista del campionato, Sibilla Bacoli, i due calciatori che lasciano la società flegrea sono il difensore classe 81 Antonio Borrino e l’attaccante classe 81 Marco Liccardi. Antonio Borrino ha iniziato la sua carriera nelle giovanili della Sibilla Bacoli, per poi passare al Venezia di Zamparini dove disputò due campionati primavera, dopodiché ha iniziato a girovagare per varie realtà calcistiche su tutte Ercolanese, Capriatese, Latina e Sarnese, con le quali ha realizzato uno strepitoso poker vincendo consecutivamente quattro campionati di Eccellenza , in serie D ha vestito le maglie di Arzanese (di cui è stato il capitano), Pianura e Tamai Pordenone, nel suo curriculum oltre ai 4 campionati di Eccellenza vinti, spiccano anche le tre Coppe Italia regionali vinte con Ercolanese, Capriatese e Formia, il suo arrivo primo va a riempire il vuoto lasciato dal capitano Gennaro Simonetti, in modo tale da dare continuità al reparto difensivo che al momento è il meno perforato dalla serie A all’Eccellenza, con sole 6 reti subite in 12 gare, questo grande risultato di squadra è stato possibile grazie ad una serie di eccelse prestazioni del reparto arretrato sia di coloro che sono rimasti e sia del partente Gennaro Simonetti, che ha contribuito in modo decisivo con tutti i compagni di reparto a stabilire questa lunga imbattibilità che adesso è giunta a 456 minuti. Marco Liccardi , attaccante d’indiscusso valore con una straordinaria facilità realizzativa (quest’anno già sei realizzazioni) , nel cui curriculum ci sono oltre 100 gare in serie D con le maglie di Internapoli, Angri, Viribus Unitis e Scafatese, andrà a dare manforte allo sterile attacco vesuviano, e cercherà di risollevarlo dall’anemia in cui è piombato. Ufficio Stampa Mari Football Club Edgardo Spiezia

                    
 
L’A.S.D. Sarnese 1926 comunica gli ingaggi dei seguenti calciatori: Izzo Pasquale e Maisto Vincenzo.
Izzo Pasquale classe 1982 è un centrocampista che, nel corso della sua carriera calcistica, ha vestito le seguenti casacche:
2005 – 2006 Lavello Serie D – 28 Presenze 7 Gol
2006 – 2007 Paganese Serie C2 – 23 Presenze 2 Gol
2007 – 2008 Sangiuseppese Serie C2 – 29 Presenze 2 Gol
2008 – 2009 Scafatese Serie C2 – 30 Presenze 4 Gol
2009 – 2010 Paganese Serie C1 – 29 Presenze 3 Gol
2010 – 2011 Sapri Serie D – 14 Presenze 3 Gol
Dic. 2010 Ebolitana Serie D – 17 Presenze 3 Gol
2011 – 2012 Ebolitana Serie C2 – 14 Presenze
Dic. 2011 Francavilla Serie D – 10 Presenze 1 Gol
 
Maisto Vincenzo, invece, anch’egli classe 1982 e anch’egli centrocampista, arriva dal Catanzaro, formazione di Lega Pro Prima Divisione. Questa la carriera del calciatore:
2001 – 2002 San Marino Serie C2 – 30 Presenze 4 Gol
2002 – 2003 Viterbese Serie C1 – 8 Presenze
Gen. 2003 Chieti Serie C1 – 4 Presenze
2003 – 2004 Gubbio Serie C2 – 24 Presenze 3 Gol
2004 – 2005 Gubbio Serie C2 – 37 Presenze 3 Gol
2005 – 2006 Potenza Serie C2 – 32 Presenze
2006 – 2007 Benevento Serie C2 – 32 Presenze 2 Gol
2007 – 2008 Vigor Lamezia Serie C2 – 28 Presenze 5 Gol
2008 – 2009 Cassino Serie C2 – 17 Presenze 1 Gol
Gen. 2009 Melfi Serie C2 – 11 Presenze 1 Gol
2009 – 2010 Paganese Serie C1 – 21 Presenze 3 Gol
2010 – 2011 Melfi Lega Pro Seconda Divisione – 15 Presenze
Gen. 2010 Avellino Lega Pro Seconda Divisione – 10 Presenze
2011 – 2012 Catanzaro Lega Pro Seconda Divisione – 33 Presenze 3 Gol
2012 – 2013 Catanzaro Lega Pro Prima Divisione – 4 Presenze
In due acquisti della Sarnese, arruolabili per la trasferta di Arzachena in programma domenica 9 Dicembre, saranno a disposizione dei giornalisti mercoledì 5 Dicembre al termine dell’allenamento presso i locali della sala stampa dello stadio “F. Squitieri” di Sarno (ore 16:30 circa). L’A.S.D. Sarnese 1926 comunica, inoltre, che hanno lasciato la squadra i calciatori Ferraro Paolo, Rega Ferdinando e Rescio Alberto. L’A.S.D. Sarnese 1926 ringrazia i calciatori per il contributo fornito alla causa granata ed augura agli stessi il conseguimento delle migliori fortune professionali.

          

L’A.C. Savoia 1908 comunica di aver concesso l’inserimento nella lista di trasferimento ai calciatori Francesco Giraldi, Luca Borrelli, Luciano Rabbeni ed Emanuele Fricano, ai quali augura le migliori sorti sportive ringraziandoli per il contributo fornito fino ad oggi. Ingaggiati invece Alessandro Malafronte (mezza punta, classe ’91, ex Catania e Milazzo), Filippo Viscido (centrocampista, classe ’89 con 9 presenze nella stagione in corso tra le fila del Potenza), Fabio Padulano (classe ’94, ala sinistra in forza all’Ischia, scuola Juventus e lo scorso anno protagonista della Primavera della Juve Stabia) e Nando Di Capua, tornato al Savoia dopo una breve esperienza al Torrecuso. www.acsavoia1908.it

              GLADIATOR     COLPACCIO GLADIATOR, FIRMA DE ROSA

Il Gladiator rafforza ulteriormente la rosa, infatti pochi minuti fa è stato raggiunto l'accordo con il centrocampista Antonio De Rosa, classe 81'. Il grande colpo, De Rosa, rappresenta per la piazza sammaritana, la volontà della dirigenza nerazzurra di restare nei piani alti della classifica. Il centrocampista già in passato ha indossato la casacca nerazzurra, precisamente nella stagione 2001/02 dove con il Gladiator vinse il campionato di serie D. Dopo Santa Maria, per De Rosa si sono susseguiti numerosi campionati professionistici, infatti ha disputato ben 9 campionati di C1, tra cui ricordiamo ben tre stagioni con la Juve Stabia e due con il Foggia. De Rosa ha iniziato questa annata con la casacca del Trani. I due innesti Antonio De Rosa e Filippo Tortora saranno presentati domani nel corso della trasmissione "DNA Nerazzurro" prodotta da sportcasertano.it . Ufficio Stampa Gladiator Daniele Luongo

           

La Asd Mari Football Club, comunica la rescissione del contratto che legava il calciatore, nonchè capitano, Gennaro Simonetti alla società bianco-azzurra. La società ha assecondato le esigenze familiari del calciatore, costretto a lasciare a malincuore la società di patron Alberto Mai. La Asd Mari Football Club ringrazia Gennaro Simonetti per il lavoro svolto e gli augura la migliori fortune sportive. L’ ex capitano visibilmente emozionato saluta la dirigenza e la squadra: "Con grande rammarico sono costretto ad abbandonare questa realtà meravigliosa, speciale sotto tutti i punti di vista. Devo lasciare questa maglia per motivi familiari, sono molto dispiaciuto, lascio un gruppo, una società ed un ambiente composto da persone splendide. Ringrazio il presidente Alberto Mai che ha creduto in me e tutti quelli che mi hanno accolto in modo eccezionale. Purtroppo nella vita capita di vivere situazioni difficili. Concludo augurando al Mari FC la vittoria del campionato!". La partenza del capitano non è l’unica, infatti, lasciano di comune accordo con la società anche il promettente centrocampista centrale classe 94 Mario Gargiulo, molto sfortunato in questa sua esperienza costellata di vari infortuni che né hanno limitato il potenziale, non facendo apprezzare le sue indusse qualità; e il portiere classe 93 Pasquale Marigliano che quest’anno purtroppo non ha avuto possibilità di mettersi in mostra, ad entrambi la società Asd Mari Football Club augura le migliori fortune sportive e li ringrazia per l’attaccamento alla maglia dimostrato e nonché per la grande professionalità dimostrata durante la permanenza alle falde del Vesuvio. Detto delle partenze sul fronte arrivi il mercato dicembrino si apre con 3 colpi, arrivano dalla Libertas Stabia due uomini di classe ed esperienza, cioè il difensore classe 83 Vincenzo Cuomo e il centrocampista classe 81 Rosario Manzi, nel cui curriculum spiccano oltre 200 gare di serie D con le maglie di Angri, Turris, Pianura, Solofra e Terzigno; viceversa dallo Stasia arriva un calciatore di grande prospettiva, cioè il centrocampista Dario Rea classe 94, quest’anno in pianta stabile nella rappresentativa juniores campana di mister Potenza. Edgardo Spiezia

            A.S.D Atletico Vesuvio

 

Un pareggio che vale come una vittoria. E’ arrivato all’ultimo istante e va giustamente a premiare gli enormi sforzi fatti dai calciatori dell’Atletico Vesuvio al fine di rimontare il doppio svantaggio iniziale. Un punto che non muove più di tanto la classifica, anche grazie ai tanti pareggi registrati in questa giornata. E’ un risultato che deve far felice Gennaro Monaco ed i suoi ragazzi, i quali hanno mostrato come sempre grandissimo spirito di sacrificio ed attaccamento ai colori dell’Atletico Vesuvio. Ed il tecnico plaude i suoi per aver rimesso a posto una partita che aveva preso una piega bruttissima nei primi venti minuti: “C’è stato un brutto black-out all’inizio e loro hanno trovato anche in maniera fortunosa il vantaggio. Poi hanno raddoppiato e la partita si è complicata ulteriormente. Ma lì è venuta la forza della nostra squadra ed ho visto finalmente l’Atletico Vesuvio che voglio”. Gennaro Monaco alla fine ringrazia tutta la sua squadra “per aver lottato su ogni palla e non aver mollato mai. I ragazzi volevano raddrizzare a tutti i costi questa partita e nel secondo tempo abbiamo fatto cose incredibili ed avuto tante occasioni da rete. Siamo stati anche sfortunati perchè penso a due punizioni calciate stupendamente da Parlacino che hanno visto deviazioni decisive dei loro difensori. E poi c’è stata la grande occasione di Castiello che purtroppo non è finita in rete. Alla fine questo risultato è meritatissimo e per me vale come una vittoria. Il Casalnuovo è una buona squadra ed ha amministrato con la giusta cattiveria il doppio vantaggio. Se penso a quante palle ha ribattuto Cerbone, che tra l’altro ha anche segnato un gol, mi vengono i brividi. Ha dimostrato ancora una volta di essere un fuoriclasse. Credo che per le occasioni create siamo andati senz’altro meglio noi nonostante il campo bagnato penalizzava la squadra che doveva attaccare. Ma questi ragazzi hanno sfidato anche le condizioni climatiche pur di raggiungere il pareggio e l’unico piccolo dispiacere è che sia arrivato tardi altrimenti avremmo anche cercato la vittoria. Ma va bene così e ringrazio la squadra per l’ottima qualità di calcio fornita nel secondo tempo. Ognuno ha lottato e non ci stava assolutamente a perdere. Loro non hanno mai tirato in porta se non in qualche iniziativa in contropiede sfruttando il fatto che noi eravamo a trazione anteriore. Siamo stati premiati e godiamoci questo risultato tutti insieme perché nell’Atletico Vesuvio ogni calciatore si sta ritagliando il proprio ruolo da protagonista”. Monaco li applaude tutti, anche quelli che sono stati sostituiti e chi è subentrato al loro posto: “Sono ragazzi eccezionali. Mostrano ogni giorno grande spirito di sacrificio ed io sono felice di allenarli. Ho sempre detto che questo è un grande gruppo e sono uniti si va lontano. Ognuno vuole dare il massimo nei momenti in cui è chiamato in causa e qui tutti sanno che anche quando vengono sostituiti o messi inizialmente in panchina non si tratta di una bocciatura. Le partite durano novanta minuti ed in ogni frangente posso aver bisogno di un calciatore diverso che magari lascio inizialmente in panchina. E poi chi esce non è perché ha giocato male, ma per poter avere l’opportunità di sfruttare soluzioni diverse. Ad esempio in questa partita ho lasciato inizialmente fuori Castiello ed Orecchio. Poi li ho messi dentro nella ripresa ed il primo ha avuto una grande occasione mentre il secondo ha servito l’assist per il gol di Lucignano. A me questi ragazzi piacciono tantissimo perché hanno assimilato la mia mentalità e si stanno facendo trovare pronti. Hanno iniziato in panchina perché ho puntato inizialmente su Casonaturale, che ritengo un calciatore importantissimo per i miei schemi. Questa è una squadra che vuol crescere ed ognuno mi è utile in qualsiasi momento della partita”. Inizia il mercato ed il tecnico non vede l’ora di arricchire ancora di più la rosa: “Sono stato chiaro con i calciatori che sono andati via ed auguro loro le migliori fortune. E’ giusto che sfruttino nuove possibilità perché qui erano chiusi ed avrebbero giocato poco. Molti di loro sono giovani e non sarebbe stato giusto tenerli sempre fuori o relegarli con la juniores. Con la società abbiamo parlato su come muoverci e mi sono stati assicurati diversi rinforzi, tra cui qualche under di qualità, un difensore centrale e due attaccanti. Tutti andranno ad arricchire un parco giocatori già importante e quindi dovranno lavorare con grande concentrazione e mettersi totalmente a disposizione mia e di questo gruppo. Sono certo che con questi arrivi l’Atletico Vesuvio continuerà il suo percorso di crescita e raggiungerà gli obiettivi che ci siamo preposti, che al momento continuo a non dichiararli apertamente. Dico solo che la prossima estate si dovrà parlare a lungo dell’Atletico Vesuvio perché noi abbiamo la mentalità di chi non deve abbattersi e fermarsi mai e lavorare sempre per migliorare, anche quando si vince”. Ufficio Stampa A.S. D. Atletico Vesuvio Gianluigi Noviello-Alessio Borrelli

 

            

La Puteolana 1902 comunica di aver risolto in maniera consensuale i rapporti con il centrocampista Roberto Volpe, il difensore Francesco Errico e l´attaccante Pasquale Siciliano. La società nel ringraziarli per l´impegno profuso a favore della compagine granata augura ai tre calciatori le migliori fortune professionali. La società comunica, inoltre, che gara PUTEOLANA-CAMPANIA, valevole per il 15° turno del girone H di serie D è stata anticipata a sabato 8 dicembre alle ore 14,30 allo stadio "Conte" di Arco Felice. Giacomo D'Ippolito

 

            ASD Miranda Sanseverino Calcio

 

Il Miranda Calcio Sanseverino, annuncia l’ingaggio di 2 nuovi calciatori che andranno a rinforzare la rosa a disposizione di mister Ansalone, in difesa arriva Andra Toma, centrale difensivo carismatico e capace di adattarsi anche lateralmente, ha iniziato la stagione con la casacca dell’Uomo Nuovo Napoli, nel Girone B, di Promozione, ma nel suo recente passato ci sono le maglie di Gallipoli, Serre, Baratta Battipaglia, Vietri Baia, Mons Taurus e Sanseverinese. Altro rinforzo a centrocampo con Domenico Avallone, prelevato dall’Ippogrifo Siano di Eccellenza, ma che ha giocato anche con L’Hirpinia e la Sanseverinese. La società comunica che a breve dovrebbe essere completato anche un arrivo per il reparto avanzato. Area stampa Miranda Sanseverino Antonio Scafuro

             C:\Users\PowerUser\Desktop\LOGO-ASD.jpg         Città di Angri

Il rettangolo di gioco dello stadio “Novi” è simile ad una palude con ampie zone del campo rese melmose delle piogge abbondanti che si sono abbattute sulla città doriana. Il match tra i doriani e il Vico Equense rischia di essere fortemente condizionato. Si affronteranno, campo permettendo, due delle compagini più quotate del raggruppamento B e la sfida si presenta probante per entrambe. Superato a pieno voti e con tanto rammarico, per la rete subita in pieno recupero, l’esame Torrecuso, il Città di Angri, troverà sul proprio cammino l’altra capolista del gruppo, il Vico Equense. La squadra costiera si troverà di fronte la truppa doriana smaniosa di centrare la vittoria dopo la beffa subita in terra sannita. Gli angresi vogliono rimanere in scia delle battistrada e per farlo non hanno altra soluzione che sconfiggere il team di Sorianiello, orfano dello squalificato Caiazza e con bomber Gaetano Romano in forte dubbio. Sul fronte grigiorosso Criscuolo recupera il centrale difensivo Abate e potrà schierare la formazione tipo in attesa di notizie confortanti dal mercato che dovrebbe regalare un po’ di rinforzi alla squadra. Amarante sembra aver smaltito i postumi dell’infortunio al piede e tranne qualche affaticamento la squadra è apparsa in buone condizioni, pronto anche il rientro dell’attaccante Rosario Falcone fermo per problemi di natura muscolare da oltre un mese ma l’impiego del “puntero” potrebbe essere rimandato alla gara di coppa Italia contro la Virtus Scafatese. “Sarà una partita che le due squadre giocheranno a viso aperto – spiega il patron Luca De Virgilio – con l’obiettivo di portare a casa l’intera posta in palio, da parte nostra c’è tutta la volontà di riprenderci i punti persi domenica scorsa con il Torrecuso”. Il numero uno della società angrese apre una parentesi sulla sessione invernale del calcio mercato: “nel mondo del calcio dilettantistico succedono delle cose anomale che ti lasciano sorpreso, tuttavia, noi saremo vigili sul mercato e cercheremo di puntellare la squadra con alcuni innesti in grado di fare elevare il tasso tecnico del gruppo che finora ha ottenuto dei risultati straordinari”. Area Comunicazione

            GLADIATOR

La società S.F. Gladiator comunica l'ingaggio dell'attaccante Filippo Tortora. Grande colpo di mercato del direttore sportivo Antonio Governucci che si assicura le prestazioni del bomber classe 77'. Filippo Tortora ha iniziato la stagione con il Potenza. Arriva a Santa Maria Capua Vetere, dove ritrova mister Squillante. Insieme hanno vissuto la stagione 2006/07 in D con l'Ippogrifo Sarno, che vide il bomber realizzare 14 reti. Tra le sue ex squadre ricordiamo in C Pro Patria, Igea Virtus e Cavese, mentre in D Potenza, Turris, Ac Solofra, S. Antonio Abate, Forza e Coraggio e Battipagliese.

            A.S.D Atletico Vesuvio

Obiettivo ripartire subito. Parola d’ordine pronto riscatto. L’Atletico Vesuvio guarda la prossima gara di domenica mattina contro l’Atletico Casalnuovo con gli occhi di tigre. E la parola alla vigilia di questo importante appuntamento va proprio ad uno che gli occhi di tigre li ha sempre avuti. Da giocatore e da allenatore Gennaro Monaco si è sempre contraddistinto per la grinta giusta sia per continuare a vincere che per metabolizzare le sconfitte e dare quella spinta in più per risalire subito la china. C’è l’Atletico Casalnuovo, l’occasione per mettere alle spalle il Marcianise e riprendere il percorso lasciato per strada lo scorso sabato. La squadra ha già reagito durante la settimana lavorando sodo e unendosi ancora di più attorno al suo allenatore. Adesso la parola passerà al campo e l’Atletico Vesuvio sa benissimo come si fa. D’altronde un pareggio e tre vittorie consecutive prima dell’unico ko della nuova stagione sono un’indicazione importante di quanto questa squadra può dare. E Monaco, già proiettato sin da martedì sul Casalnuovo, si aspetta una grande prova: “La mia squadra sa reagire a tutto con il lavoro e sono certo che Marcianise appartiene già al passato” afferma con grande ottimismo l’allenatore. D’altronde l’Atletico Vesuvio per gran parte del primo tempo al Progreditur non ha sfigurato: “E dobbiamo partire proprio da quanto fornito in quel frangente di gara. – ribatte Monaco – Avevamo avuto qualche buona opportunità offensiva e c’è mancata la cattiveria giusta per trasformarle in gol. Riuscendoci, anche a Marcianise potevamo assistere ad un’altra partita. Però non è assolutamente giusto far drammi perché dopo una serie di risultati positivi una sconfitta ci può anche stare. E poi non va dimenticato che si è perso contro quella che a mio avviso insieme a Stasia e Volla è la squadra favorita per il successo finale. Infine ad una settimana di distanza aggiungo che l’arbitro ha operato bene, ma gli assistenti molto meno perché il secondo ed il terzo gol del Marcianise erano in fuorigioco. Li ho rivisti con attenzione su internet e la svista era evidente. Però nessuno di noi si è lamentato al momento, ne parlo soltanto io dopo una settimana. Ma la prendo con filosofia perché non è mio stile appellarmi a questo tipo di situazioni. Piuttosto tutta la settimana ho pensato a lavorare con i miei ragazzi su come controbattere l’Atletico Casalnuovo e tornare subito a far punti. E’ una partita molto dura contro una squadra che a mio avviso ha una classifica bugiarda. Ha due giocatori come Barone e Niola che sono molto validi e poi c’è Bifaro che ha vinto l’Eccellenza con il Campania ed è un ragazzo di grandi qualità. Sono molto forti dal centrocampo in su e quindi noi dobbiamo stare molto attenti e cercare di essere soprattutto bravi ad approfittare degli episodi chiave, come ad esempio le palle inattive. Non ho ancora deciso la formazione perché i ragazzi stanno tutti bene e voglio valutare con attenzione. Il vero problema per questa partita è quella di sostituire Velotti. La sua partenza mi rattrista molto perché è uno dei migliori difensori dell’Eccellenza, ma ho preso atto della sua decisione e spero che chi lo sostituirà faccia bene”. Ma ora che riaprirà il mercato anche l’Atletico Vesuvio piazzerà qualche colpo: “Chiaro che abbiamo la necessità di un difensore al posto di Velotti. Ma anche in attacco prenderemo qualcosa perché ho bisogno di un parco attaccanti più largo per sopperire ad ogni evenienza e quindi oltre ai confermati faremo qualche altra operazione. E poi ci serve come il pane un under a sinistra. Insieme alla società stiamo valutando il da fare e chi verrà all’Atletico Vesuvio lo farà per dare una mano ad una squadra formata da grandi professionisti che deve disputare un campionato pieno di soddisfazioni”. Monaco conclude con la speranza “di poter chiudere il girone d’andata con almeno 23 punti. Significherebbe totalizzarne 8 contro squadre di grosso calibro come Casalnuovo, San Giorgio, Virtus Volla e Vis San Nicola. Tutte squadre che valgono il centro-alta classifica e dalla stessa Vis San Nicola mi aspetto faccia qualcosa sul mercato per poter risalire. Fare tabelle è sempre difficile perché poi conta ciò che accade in campo. Ma la mia squadra ha le potenzialità per raggiungere questi risultati ed assicurarsi una felice di chiusura di 2012”. Ufficio Stampa A.S. D. Atletico Vesuvio Gianluigi Noviello-Alessio Borrelli

 

              S.S.D QUARTO srl

 

La Nuova Quarto Calcio ritorna in campo e lo fa, per la prima volta in questa stagione, da capolista del girone A di Promozione seppur in compagnia dell'Atletico Bosco Frattese. La vittoria di misura sul Teano maturata grazie ad un gol del bomber D'Auria (sesto successo consecutivo) e il contemporaneo pareggio della Frattese contro la Sessana nell'ultima giornata di campionato, hanno consentito l'aggancio in vetta dopo un lungo inseguimento iniziato alla quarta giornata. Domani pomeriggio, nell'anticipo della dodicesima giornata, la squadra di Amorosetti farà visita al San Pio Mondragone, una squadra in crisi di risultati a cui il giudice sportivo ha inflitto in settimana una sconfitta a tavolino e ben 600 euro di multa per l'increscioso episodio accaduto quindici giorni fa nella gara con il Satn'Arpino ( uno pseudo tifoso mondragonese ha scavalcato le recinzioni del campo di gioco ed ha inferto uno schiaffo al guardialinee del match dandosi poi alla fuga). In settimana in casa casertana c'è stato un ridimensionamento dei programmi con i giocatori più esperti che sono stati svincolati: il Quarto Calcio, domani a Mondragone, troverà una squadra giovane ed agguerrita nonostante le tante vicissitudini negative vissute in queste ultime settimane. Mister Amorosetti che conosce le insidie del match ha tenuto tutti sulla corda in settimana mischiando le carte per quanto riguarda la formazione titolare. Recuperati Ucciero, Gramegna e Santangelo, per il tecnico tutti a disposizione, tranne l'infortunato di lungo corso, De Gennaro, che però è in via di recupero. Non sarà sicuramente del match Isidoro Izzo: il forte centrocampista arrivato in estate, in accordo con la società e con il tecnico, ha risolto il contratto con la Nuova Quarto Calcio. "Ad Izzo, di cui vanno apprezzate le doti tecniche ed umane, va il ringraziamento da parte di tutta la società e lo staff tecnico che altresì augura al forte centrocampista nuovi e importanti traguardi calcistici" - queste le parole di congedo dell'Amministratore Giudiziario del Quarto Calcio, Luca Catalano. E domani pomeriggio, mentre la prima squadra sarà impegnata nella trasferta di Mondragone (fischio d'inizio alle 14,30) al Comunale Giarrusso di Quarto ci sarà un importante evento: i club Rotary e Rotaract Campani scenderanno in campo a supporto del progetto di legalità della Nuova Quarto Calcio. Allo stadio Giarusso di Quarto, fischio di inizio alle 14,30, si sfideranno in una partita di beneficenza la rappresentativa Rotaract e una rappresentativa della Nuova Quarto Calcio (Dirigenti, staff e qualche elemento della Juniores): costo del biglietto è di € 5. Tutti i club Rotaract e Rotary Campani hanno deciso di sostenere l’iniziativa della Nuova Quarto Calcio. Ufficio Stampa Nuova Quarto Calcio Dott. Silvio Di Falco

          

Archiviata la bella vittoria con il Città di Messina, il Savoia riprende ad allenarsi sotto gli ordini di mister Amura. Dopo un confronto durato circa mezz’ora  la squadra è scesa in campo dividendosi in piccoli ranghi. In una prima fase, coadiuvati dal preparatore atletico De Maio, i ragazzi hanno svolto lavori personalizzati in base alle singole necessità di scarico muscolare. Hanno lavorato a parte Rima e Formisano che si apprestano a rientrare. Unico assente è stato il giovane Manfrellotti che si è aggregato a Coverciano con la Nazionale di serie D. Dopo gli intensi esercizi atletici, mister Amura ha diviso la squadra in due gruppi disputando una partita a campo ridotto; il mister ha variato i ruoli dei singoli nel tentativo di incrementare intesa e affiatamento. La squadra tornerà ad allenarsi domani, mentre giovedì sarà di scena la consueta amichevole infrasettimanale. Al Giraud il Savoia affronterà l’A.S.D. Portici 1906, compagine capolista del girone B del campionato Promozione Campano. Fischio d’inizio fissato per le 14.30. www.acsavoia1908.it

            ASD Miranda Sanseverino Calcio

L’ASD Miranda Sanseverino Calcio, comunica di aver risolto il rapporto con il tecnico della prima squadra Vincenzo De Sio. La società ringrazia il tecnico per l’ottimo lavoro svolto fin ora e per la grande professionalità mostrata in questa prima parte di stagione con l’augurio delle migliori fortune private e professionali. Altresì comunica di avere affidato la guida tecnica a Vincenzo Ansalone, che nella giornata odierna ha già condotto il primo allenamento. Per Ansalone si tratta di un gradito ritorno, dopo avere condotto per l’intera scorsa stagione la compagine di Mercato S.Severino, conquistando la “Storica” Coppa Campania, primo trofeo Regionale, conquistato da parte di una compagine Sanseverinese. Il tecnico guiderà ed esordirà nel torneo di Promozione sabato 1 dicembre, con la sfida casalinga contro l’Atletico Benevento. UFFICO STAMPA MIRANDA Antonio Scafuro

            GLADIATOR 

Il Gladiator dopo dodici giornate di campionato è rimasta l'unica società dalla A alla D a non conoscere sconfitta. Appena due settimane fa, le società erano ben 8, poi la settimana scorsa oltre ai sammaritani c'erano Chieri e Turris, che nell'ultimo turno di campionato sono state entrambe sconfitte. La società del presidente Lazzaro Luce ha collezionato nove vittorie e tre pareggi che gli hanno permesso di stazionare stabilmente in vetta alla classifica del girone H. La compagine allestita dal direttore sportivo Antonio Governucci, nelle ultime sette partite ha subito solo due reti, e nell'ultimo turno con la vittoria contro il Nardò ha messo a segno l'ennesima vittoria in esterna, infatti non considerando la sconfitta nella finalissima play off nazionale contro il Messina, in campionato il Gladiator non perde da un anno. L'ultima sconfitta in trasferta risale all'8/10/2011 contro l'Isola di Procida, terminò 2-1. Ufficio Stampa Gladiator1912

            

Com’è ormai tristemente noto, in occasione della gara CTL CAMPANIA / FOGGIA, valevole per il Campionato Nazionale di calcio di Serie D, disputata allo stadio ‘Collana’ di Napoli nel primo pomeriggio di sabato scorso, 17 novembre, l’Associazione Sportiva Dilettantistica CTL Campania avverte il dovere, morale e sportivo, di procedere alle seguenti precisazioni, ricavate – in modo inoppugnabile – da immagini depositate su You Tube (è sufficiente, al riguardo, cliccare su Google, alla voce, del tutto impropriamente definita: “Scontri Campania – Foggia”)
-         prima dell’inizio della gara, un gruppo di tifosi del Foggia, trasportati allo stadio “Collana”, è uscito dal pullman sul quale viaggiavano ed ha iniziato a colpire, con spranghe in loro possesso, alcuni motocicli, parcheggiati nei pressi di via Caldieri;
-         a questo punto, un gruppo (all’incirca una ventina) di tifosi, presumibilmente del Calcio Napoli, ha iniziato a colpire i vetri del pullman che trasportava i tifosi del Foggia ed a lanciare dei fumogeni. Uno di questi fumogeni è, presumibilmente, finito in un’auto, che sfortunatamente seguiva (casualmente, a quel che è dato comprendere), il pullman dei tifosi del Foggia;
-         l’autovettura ha addirittura preso fuoco;
-         non esistono, all’atto, altre immagini su You Tube, tranne queste, che erano state riprese da un  balcone di un’abitazione sovrastante la strada degli incidenti
-         all’interno dello stadio, la gara (che, sia chiaro, aveva un’importanza infinitamente inferiore, rispetto agli incidenti verificatisi all’esterno dell’impianto sportivo) ha avuto uno svolgimento del tutto regolare e sereno;
-         i dirigenti del Foggia sono stati ospitati, su loro richiesta – senza alcun problema, come da consolidata tradizione della società CTL Campania – nel settore del pubblico locale;
-         in un’intervista televisiva (sul sito www.calciofoggia.it) il Vice Presidente della società dauna, sig. Ciro Amodeo, nel ringraziare il CTL Campania ed i suoi sostenitori per l’ospitalità, ha attribuito la negativissima vicenda alla ruggine tra le tifoserie del Calcio Napoli e del Foggia, risalente a sette anni or sono ad una gara allo “Zaccheria” di Foggia, quando il Napoli partecipava alla Terza Serie Nazionale;
-         il Commissario di Campo, designato dal Dipartimento Interregionale, ha seguito la gara dall’interno dello stadio, verificando la serenità e la correttezza del comportamento della nostra società, il CTL Campania;
Questi, i fatti.
 
Il CTL Campania condanna fermamente questo comportamento violento, che non fa di certo onore alla nostra città e crea problematiche sociali, d’immagine e di negatività allo stesso calcio anche se, da come si legge su qualche quotidiano odierno (fonte IL MATTINO), sembrerebbe che questo comportamento poco c’entri con  il calcio, con l’amore per una maglia gloriosa (quella del calcio Napoli), seguito con affetto dal sottoscritto presidente del CTL Campania, da tutti i dirigenti della società, dai suoi tecnici, calciatori ed addetti.
Appare obiettivamente pleonastico (ma non fuori luogo) sottolineare che l’episodio in questione non potrà mai essere addebitato a sostenitori del CTL Campania: e non soltanto perché non c’è mai stato alcun precedente calcistico tra le due società, ma, semmai, in quanto nessuna società ospitata ha mai subito alcun atto negativo, o scorretto, da parte del pubblico che sostiene la squadra nelle partite casalinghe, composto, per la maggior parte, da famiglie.
L’ASD CTL Campania esprime piena solidarietà alle forze dell’ordine per la delicata ed impegnativa opera svolta.
Non può non puntualizzarsi che, anche in un campionato di non straordinaria rilevanza, come quello di Serie D, i tutori dell’ordine pubblico sono costretti a
vivere in prima persona situazioni spiacevoli che nulla c’entrano con l’ambito sportivo e calcistico, come quella di sabato scorso.
L’ASD CTL Campania auspica che quanto prima si possa far luce su quanto
avvenuto, perché anch’essa ne esce ingiustamente danneggiata, in termini d’immagine, considerate le notizie diffuse in maniera poco approfondita e ben poco documentata da alcuni organi di stampa, al contrario della ricostruzione corrispondente al vero, eseguita da altri giornalisti (in taluni casi, con titoli non conformi all’articolo; in altri, verosimilmente, in ragione dell’esiguità di spazio riservata alla notizia, con consequenziale informazione estremamente sintetizzata).
Il CTL Campania, nell’esprimere la propria solidarietà, convinta e ferma, ai cittadini napoletani, iniquamente danneggiati da autentici teppisti, nonché nel ribadire una secca, perentoria stigmatizzazione dei descritti, gravissimi comportamenti, ritiene doveroso ribadire il proprio ringraziamento al Sindaco di Napoli, On. Luigi De Magistris, ed all’Assessore allo Sport al Comune di Napoli, Prof. ssa Giuseppina Tommasielli, per la loro congiunta opera di sostegno ad una realtà, il CTL Campania, assolutamente di natura sociale. Puntualizza, infine, di aver dovuto già, appena alla dodicesima giornata (delle quali sei giocate in casa), cambiare due volte struttura sportiva, senza contare che, per lo scorso anno, le gare casalinghe venivano disputate in un altro impianto ancora. L’auspicio conclusivo, sul quale questa società giudica legittimo e corretto chiedere il supporto informativo della stampa partenopea e regionale, è che il significato sociale e sportivo di un’attività, quella del CTL Campania, alla quale non è consentito annettere alcuna valenza, neppure lontanamente professionistica, non possa e non debba essere condizionata, né afflitta, da comportamenti ed azioni, che non hanno alcunché da dividere con lo sport, o col calcio. Con preghiera di pubblicazione. Grazie.
 
                                                                                                          IL PRESIDENTE
 Dott. Giovanni De Micco

            A.S.D Atletico Vesuvio

Il successo maturato sull’Isola di Procida porta l’Atletico Vesuvio sempre più su. Conferme importanti sono giunte dopo quest’ulteriore passo avanti che proiettano la compagine di Gennaro Monaco verso una classifica sempre più positiva e meritevole per quanto si vede puntualmente in campo. Da questo risultato positivo, il terzo consecutivo, il tecnico può attingere segnali di ulteriore crescita in questo gruppo che ha plasmato a sua immagine e somiglianza: “Siamo una squadra che ci mette il cuore fino alla fine e che sa lottare su ogni pallone. Siamo uniti, tutti ci sacrifichiamo per la causa e nessuno fa la primadonna. Questo è fondamentale per una squadra allenata da me perché senza la giusta mentalità non si potrà mai far bene”. Parole importanti di grande stima verso questa squadra che con Monaco in panchina continua a crescere ed a stupire: “Ci siamo, con questa vittoria contro l’Isola di Procida ci siamo tolti da posizioni di classifica pericolose e saliamo ancora. Questo è importante per il morale perché quando i risultati vengono e la classifica migliora le motivazioni salgono. Questa squadra non si sentirà mai appagata di nulla perché da qui alla fine del campionato c’è tantissimo da fare e noi non vogliamo accontentarci di nessun traguardo a priori. Se dobbiamo essere la sorpresa del campionato, quella che nessuno ha mai immaginato di trovare ad aprile dove voglio io bisogna continuare a lavorare con questo spirito. E ci metto la mano sul fuoco che questo gruppo grandioso che alleno lo farà perché siamo tutti ragazzi intelligenti, che si impegnano e che sono tutti uniti verso l’unico obiettivo di portare in alto l’Atletico Vesuvio e di regalare grandissime soddisfazioni alla famiglia Mazzamauro, che le meritano visto che sono delle persone stupende che nel calcio possono soltanto far bene”. Monaco era preoccupato per le assenze di Palumbo e Lucignano, due pilastri fondamentali dell’Atletico Vesuvio, ma chi è andato in campo a ricoprire quei ruoli non ha mai fatto sentire la loro assenza: “Ho messo Attanasio nel ruolo di difensore centrale ed ha risposto colpo su colpo alle iniziative degli avversari. Mi ha soddisfatto tantissimo perché parliamo sempre di un ragazzo del ’94 che da quando ci sono io si sta creando il suo spazio con grande determinazione. Ha le qualità per essere il miglior under dell’Eccellenza e sono certo che a fine stagione tutti parleranno di lui ancora di più di quanto lo fanno adesso. Complimenti anche a Parlacino, il quale ha giocato dopo più di un mese d’assenza tutta la partita sacrificandosi tantissimo e eseguendo alla lettera le indicazioni che gli ho dato, che erano diverse dal suo ruolo naturale. Anche lui merita un grosso applauso perché è un grande professionista che si allena con grande voglia e giovedì ha disputato anche l’amichevole con la juniores per farsi trovare pronto per questa partita. Sono questi i calciatori che voglio sempre avere e con me si ritaglieranno sempre il loro spazio”. Meritano un applauso anche tutti gli altri che hanno disputato il match con l’Isola di Procida: “Loro erano convinti che avrebbero trovato delle insidie ed alla fine è stato così. Hanno avuto occasioni importanti soprattutto nel primo tempo, dove un grandissimo Robustelli ha eseguito interventi strepitosi da portiere che fa la differenza. Gli ho parlato quando sono arrivato e gli ho detto che lui ha i mezzi per giocare nella categorie superiori. Avere un portiere con queste doti è la fortuna di ogni squadra e Robustelli in più di un’occasione è stato decisivo per le nostre vittorie. Nella ripresa siamo venuti fuori alla grande noi ed abbiamo vinto credo grazie al gol di Orecchio, un altro esempio di grandissima professionalità che merita un grosso elogio per quanto ha lavorato durante l’infortunio sia con noi che da solo presso il centro di Carmando a Salerno. Anche lui quando sarà totalmente recuperato ci darà una grandissima mano. Voglio inoltre fare un ulteriore incoraggiamento a Castiello, che sta giocando in un ruolo alla Cavani e che lo sta ricoprendo in maniera ottimale. L’ho tolto ad un certo punto perché era completamente stremato dopo una partita di grandissimi sacrifici. Per me è un perno importante di questa squadra e tra lui, Casonaturale, Laureto, Raffa quando tornerà ed Orecchio ho tante frecce nel mio arco da poter sfruttare in qualsiasi momento della partita”.  

Anche il responsabile dell’area tecnica Pasquale Lucignano fa un grandissimo applauso alla squadra ed elogia le recenti prestazioni di Robustelli: “Il nostro portiere sta facendo la differenza come ci siamo sempre aspettate. Viene dalle categorie superiori e lo sta dimostrando disputando prestazione all’altezza delle sue qualità. Nelle ultime partite è stato decisivo e con l’Isola di Procida ha fatto due interventi da autentico fuoriclasse. Tutta la squadra merita un grandissimo applauso per la prova fornita in questa partita. Per noi c’erano grosse insidie perché il Procida è sempre stata una squadra tosta da affrontare. Poi noi abbiamo avuto la sfortuna di giocarla senza Palumbo e Lucignano e le loro assenze sono importanti per noi. Ma con questa prestazione condita dalla vittoria abbiamo dimostrato che nessuno è insostituibile e che ognuno si creerà lo spazio giusto e darà il suo contributo. Aspettiamo con più serenità i loro rientri sperando che Lucignano e Raffa recuperino presto dai loro infortuni. Palumbo tornerà a Marcianise e sono certo che avrà le motivazioni a mille. Chi li ha sostituiti oggi ha fatto benissimo e mi complimento con Parlacino per aver giocato benissimo da play-maker davanti alla difesa ed Attanasio da centrale dei quattro. Per me lui può giocare in tantissimi ruoli perché è un ragazzo che ha qualità importanti. Inoltre sono contentissimo per il gol di Orecchio che è un ragazzo perbene che lo meritava tanto e per un’altra bella prestazione di Sarnacchiaro, che è un ragazzo che sta giocando con medie di rendimento importanti e per noi è un punto fermo”. Lucignano fa infine un grandissimo applauso “a Gennaro Monaco. Questa partita l’ha vinta lui indovinando tutte le mosse tattiche e le sostituzioni. La squadra ha trovato la giusta fisionomia ed ha acquisito la mentalità vincente che volevamo. La classifica comincia a farsi positiva, ma noi possiamo fare ancora meglio perché il campionato è molto lungo e la squadra sta crescendo tantissimo settimana dopo settimana”. Ufficio Stampa A.S. D. Atletico Vesuvio Gianluigi Noviello-Alessio Borrelli

             Asd Picciola 1970

Nell'ultima partita contro la Giffonese è stato ancora una volta determinante, parliamo di bomber Vaccaro detto "il Cobra" che è già entrato nei cuori dei tifosi picentini. Grinta, forza e umiltà, queste le doti di Vaccaro. Riguardo l'ultima partita, vinta dalla compagine bianco-rossa per 2 a 1 proprio ai danni di una ostica Giffonese dice. "Nel primo tempo abbiamo avuto un approccio sicuramente sbagliato, contro una squadra ben messa in campo con diversi calciatori di esperienza, tutto sommato la fame di vincere in casa, nonostante lo svantaggio iniziale, ci ha portati a reagire e a sovvertire il risultato - dichiara Vaccaro". Sicuramente nervosi nel primo tempo ma determinati nel secondo tempo, la squadra di coach Lerro ha reagito alla grande  e con le incursioni di Sabatino e Albano, le giocate di Merola e le finalizzazioni di Vaccaro infatti il Picciola ha dimostrato caratte e forza di reazione. "Nello spogliatoio il Mister ci ha parlato e abbiamo trovato la giusta concentrazione per reagire e provare a ribaltare il risultato e ci siamo fortunamente riusciti - ha chiosato bomber Vaccaro". Sull'obiettivo finale di campionato, Vaccaro non ha dubbi. "Il nostro obiettivo e quello della società è di arrivare tra le prime tre, quattro squadre del girone, fortunatamente abbiamo una società che crede e investe in un progetto ambizioso". Ritornando alla prestazione personale e della squadra Vaccaro si da un voto. "Nonostante abbiamo sofferto il primo tempo, la squadra ha raggiunto l'obiettivo primario della vittoria, personalmente assegnerei a tutta la squadra un bel sette. Il gol della vittoria lo dedico a mia moglie Roberta e alle mie due bambine Martina e Alessia". Auguri a Vaccaro da tutta la società e i tifosi. Ufficio Stampa Asd Picciola 1970

            Città di Battipaglia

Il Città di Battipaglia ha un nuovo presidente. Dopo l’uscita di scena della famiglia Procida, approdata alla Battipagliese, la società di Eccellenza è stata rilevata da Gaetano Tolomeo, ex direttore sportivo della Poseidon 1958, il quale in attesa di formare una nuova società assumerà il ruolo di presidente. Queste le prime dichiarazioni di Tolomeo: “Sono felice e stimolato da questa nuova avventura, domenica inizieremo a giocare con la rosa attuale guidata da Carmine Turco. Ci aspetta subito una partita dura a Vallo della Lucania contro il Real Trentinara e cercheremo di fare subito bene. Da martedì mi dedicherò a formare la nuova società e sceglierò dove porteremo il titolo tra Battipaglia, Campagna o Paestum. Chi ci offrirà più garanzie lì andremo a giocare. Andremo avanti con l’ossatura attuale in queste partite e poi vedremo chi meriterà di restare. Invito i paesi limitrofi che non hanno squadre in Eccellenza a contattarci”.

                          LA VIRTUS CARANO SI GODE IL TANDEM OFFENSIVO MORTELLITI-REPPUCCI

Il reparto avanzato è una delle tante notizie positive che stanno affiorando nel clan aurunco. Con 13 reti all’attivo in otto gare, la Virtus Carano del presidente Achille Sauchella è al secondo posto della particolare classifica relativa al maggior numeri di reti realizzate. Un secondo posto da condividere con Isola di Procida e Virtus Volla, dietro le capoliste Acerrana, Bacoli Sibilla Flegrea, Progreditur Marcianise, Real Ortese e Stasia Soccer che hanno realizzato fino a questo momento 14 goal. A contribuire a codesta prolificità è il fenomenale tandem offensivo composto da Francesco Mortelliti e Ciro Reppucci, autori rispettivamente di 3 ed 8 reti. Un mix vincente di esperienza e gioventù che sta configurando l’attacco della Virtus come uno dei migliori del girone e che può concretizzare grandi cose per il futuro. L’eterno Francesco Mortelliti, uno che il calcio professionistico lo ha vissuto da protagonista con le maglie di Acireale, Portogruaro e Cosenza, si è immerso totalmente in una categoria mai disputata prima e si sta prodigando per regalare utili accortezze tattiche ad i compagni di squadra: “Avendo calcato palcoscenici abbastanza importanti, io ed Alfonso Camorani stiamo mettendo la nostra esperienza a disposizione della squadra, affinchè ogni ragazzo possa condividere dei miglioramenti. I più giovani ci stanno ascoltando e questo è un fattore principale. Ma tutto il gruppo agli ordini di mister Salvatore Ambrosino si sta comportando in maniera seria, a tutti va il plauso per la bella prestazione offerta contro il Bacoli Sibilla Flegrea. Dal punto di vista personale, sono contento di essere rientrato subito, dopo l’indisponibilità di domenica scorsa, per di più avendo realizzato un goal. Al momento, non mi posso lamentare della fase realizzativa: con tre goal in tre partite la media penso che sia ottima”. Il celebre attaccante natio di Messina si prepara per il prossimo match contro il Vis San Nicola che si terrà sabato pomeriggio alle 14.30 al “Clemente” di San Nicola La Strada: “Io ritengo tutte le partite uguali, sono dell’opinione che non bisogna sottovalutarne nessuna. Ho saputo che, però, i sannicolesi sono una sorta di nostro spauracchio, poiché l’anno scorso la Virtus non è riuscita ad andare in goal, pareggiando in entrambi i match per 0-0. Spero sia questa l’occasione per sfatare questo tabù. Chiudo l’intervista, facendo un particolare elogio a Ciro Reppucci, un ragazzo che ascolta i consigli e che vede la porta come pochi. Viste le nostre differenti qualità, ci completiamo formando una bella accoppiata. Mi sorprendo giorno dopo giorno, come mai un giovane come Ciro, ricordiamolo classe 1991, sia invischiato nel fango di questa categoria. Non deve montarsi la testa, ma se continua così merita di certo di calcare ben altri palcoscenici”. DOMENICO VASTANTE – UFFICIO STAMPA ASD VIRTUS CARANO SS

                    

L’A.S.D. Sarnese 1926 comunica che, di comune accordo, è stato interrotto il rapporto professionale con il sig. Egidio Pirozzi, allenatore della prima squadra. Al sig. Pirozzi da parte dell’A.S.D. Sarnese 1926 giungono i più doverosi ringraziamenti per il lavoro svolto corso delle stagioni 2010 – 2011, 2011 – 2012 e 2012 – 2013. Nell’augurare al sig. Pirozzi il conseguimento delle migliori fortune professionali l’A.S.D. Sarnese ribadisce la grande stima e la grande amicizia a livello personale nel sig. Egidio Pirozzi. Il nuovo allenatore che da Martedì 6 Novembre 2012 guiderà l’A.S.D. Sarnese 1926 è il sig. Giuseppe Palumbo. Il tecnico nativo di Venosa per parte dell’ultima stagione ha guidato la Paganese. Nella sua carriera apparizioni in panchina anche alla guida di Melfi, Nocerina e Andria. L’A.S.D. Sarnese 1926 comunica che è revocato il silenzio stampa e che il nuovo allenatore sarà presentato agli organi di informazione alle ore 16:30 presso lo stadio “F. Squitieri” di Sarno.

            

L’Unione Sportiva Agropoli 1921 comunica di aver sollevato dall'incarico di allenatore della prima squadra il sig. Salvatore Nastri. La società ringrazia il tecnico per l’ottimo lavoro svolto fin ora e per la grande professionalità mostrata in questa prima parte di stagione.

L’Unione Sportiva Agropoli rende noto di aver raggiunto di aver affidato l’incarico di allenatore della prima squadra al sig. Franco Delli Santi che nel pomeriggio di oggi dirigerà il suo primo allenamento. Il ruolo di preparatore atletico è stato invece affidato al prof. Vincenzo Bergamo. Per entrambi si tratta di un ritorno ad Agropoli. Delli Santi ha guidato i delfini nella stagione 1992/1993 venendo esonerato nonostante in piena lotta per la promozione in C2. Bergamo è stato invece preparatore dell’Agropoli nel finale del campionato 2010/2011. “Non voglio fare proclami – ha dichiarato Dellisanti – posso soltanto dire che vengo ad Agropoli con tanto entusiasmo, per costruire un progetto importante che non si limiti a questa stagione ma possa continuare anche per quelle successive. Questa è stata la piazza che mi ha lanciato nel calcio professionistico. Ho ancora tanti amici e sono contento di essere di nuovo qui. Ai tifosi voglio solo assicurare tanto impegno, e la volontà di farli divertire”. Ernesto Rocco

 

             Si precisa che questo sito vive per le molteplici collaborazioni gratuite da parte di molti appassionati del calcio e chi scrive per pubblicare si assume la responsabilità di quanto scritto. Eventuali inesattezze, imprecisioni, fantasie o altro possono essere corrette o rimosse dopo una semplice segnalazione.  L'intestatario del dominio, Girolamo Martorano